Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000

Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000
  • Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000

Mascherina FFP2 KN95 Certificata CE Baner BT-005 #N90056004604-1000

di EUR
Mascherine di protezione professionali FFP2 KN95 Baner BT-005 Certificate con vero CE 2163, filtraggio oltre il 95%, DPI utilizzo sicurezza sul lavoro. Ordinare solo multipli da 1000 pezzi.
Prezzo:
€ 1,50
Listino:
Risparmi:
(%)

Descrizione

Mascherine di protezione professionali FFP2 KN95 Baner BT-005 Certificate con vero CE 2163 da ente notificato (Notified Body) come richiesto dalla Normativa Europea

Indicata per la protezione delle vie respiratorie da virus, batteri, dalla polvere comprese quelle tossiche, silice, lavorazione dei minerali, arsenico, berillio, argento, platino, piombo, cadmio, cotone, nebbie non unte e fumi metallici o plastici, in concentrazioni non superiori a 10 volte il limite. Riduce l'emissione del droplet, è personale e non trasferibile.
Questa mascherina è un DPI (dispositivo di protezione individuale) con filtraggio superiore a 95%, standard FFP2 +KN95.
Indicata per la protezione delle vie respiratorie in ambiente lavorativo: fabbrica, scuola, ufficio, industria e comunque in ogni luogo dove lavora personale dipendente.

Condizioni di conservazione
Dovrebbe essere tenuta in un luogo con una buona ventilazione, pulito, asciutto, evitando l'umidità e l'esposizione a contaminanti.

Vita utile
Varia a seconda del tipo di contaminante, della sua concentrazione, della frequenza respiratoria dell'utente, l'umidità relativa dell'ambiente e la conservazione del prodotto da parte dell'utente. Perciò questa variabile deve essere sempre valutata dalla persona responsabile della determinazione dell'uso. Deve essere cambiata ogni volta che è satura (intasata), perforata, strappata o con elastico sciolto o rotto o quando l'utente percepisce l'odore o il sapore del contaminante. Nessuna riparazione o manutenzione deve essere eseguita sul prodotto. Nelle condizioni di scorta specificate (non d'uso), la sua validità è di 3 anni dalla data di fabbricazione.

Avvertenze per l'uso
Non dovrebbe essere usato da persone con barbe o cicatrici profonde sul viso poiché ciò impedisce un efficace sigillo del respiratore sul viso dell'utente.
Lasciare immediatamente l'area se: la respirazione diventa difficile; il prodotto è danneggiato; manifesta qualsiasi tipo di irritazione o ha vertigini, nausea o dolore alla testa (questo può significare che il respiratore è saturo o mal sigillato sul viso).
ATTENZIONE In caso di irritazione o problemi respiratori, interrompere l'uso e consultare un medico.

CE 2163
EN149:2001+A1:2009
Personal Protective Equipment Regulation (EU) 2016/425

Ordinare solo multipli da 1000 pezzi.



------------------------------------------------------------------
Mascherine, le norme tecniche (fonte www.salute.gov.it)

Mascherine chirurgiche

Le mascherine chirurgiche hanno lo scopo di evitare che chi le indossa contamini l’ambiente, in quanto limitano la trasmissione di agenti infettivi e ricadono nell'ambito dei dispositivi medici di cui al D.Lgs. 24 febbraio 1997, n.46 e s.m.i.. Sono utilizzate in ambiente ospedaliero e in luoghi ove si presti assistenza a pazienti (ad esempio case della salute, ambulatori, ecc).

Le mascherine chirurgiche, per essere sicure, devono essere prodotte nel rispetto della norma tecnica UNI EN 14683:2019 (scaricabile gratuitamente dal sito https://www.uni.com), che prevede caratteristiche e metodi di prova, indicando i requisiti di:

  • resistenza a schizzi liquidi
  • traspirabilità
  • efficienza di filtrazione batterica
  • pulizia da microbi.

La norma tecnica di riferimento UNI EN ISO 10993-1:2010 (scaricabile gratuitamente dal sito https://www.uni.com) ha carattere generale per i dispositivi medici e prevede valutazione e prove all'interno di un processo di gestione del rischio.


Mascherine FFP2 e FFP3

I facciali filtranti (mascherine FFP2 e FFP3) sono utilizzati in ambiente ospedaliero e assistenziale per proteggere l’utilizzatore da agenti esterni (anche da trasmissione di infezioni da goccioline e aerosol), sono certificati ai sensi di quanto previsto dal D.lgs. n. 475/1992 e sulla base di norme tecniche armonizzate (UNI EN 149:2009, scaricabili gratuitamente dal sito https://www.uni.com).

La norma tecnica UNI EN 149:2009 specifica i requisiti minimi per le semimaschere filtranti antipolvere, utilizzate come dispositivi di protezione delle vie respiratorie (denominati FPP2 e FPP3), ai fini di garantirne le caratteristiche di efficienza, traspirabilità, stabilità della struttura attraverso prove e test tecnici.


-------------------------------------------------------------------------------------------------

Standard per le mascherine (fonte www.accredia.it)

Affinché i prodotti sul mercato rispondano ai requisiti minimi per la salvaguardia della salute, i DPI per le vie respiratorie e le mascherine chirurgiche devono essere verificati e testati per accertarne la funzionalità.

Nell’ambito delle misure di emergenza dettate dalla pandemia da Covid-19, INAIL e ISS – Autorità competenti designate dalla Legge “Cura Italia” – hanno stabilito che i requisiti specifici che devono essere soddisfatti affinché i Dispositivi di Protezione Individuale per le vie respiratorie (semimaschere filtranti) e le maschere facciali a uso medico (mascherine chirurgiche) assicurino un’adeguata protezione, sono quelli riportati, rispettivamente, nelle norme europee EN 149:2019 + A1:2009 e EN 14683:2019.

 

Dispositivi medici - Mascherine chirurgiche

EN 14683:2019 “Maschere facciali ad uso medico – Requisiti e metodi di prova”

Lo standard europeo – recepito in Italia come UNI EN 14683:2019 – specifica i requisiti di fabbricazione, progettazione e prestazione e i metodi di prova per le maschere facciali ad uso medico destinate a limitare la trasmissione di agenti infettivi tra pazienti e personale clinico durante gli interventi chirurgici e altri contesti medici con requisiti simili.

 

Dispositivi di Protezione Individuale - Semimaschere filtranti
Personal Protective Equipment Regulation (EU) 2016/425

EN 149:2001+A1:2009 “Dispositivi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschere filtranti contro le particelle – Requisiti, prove, marcatura”

La norma europea – recepita in Italia come UNI EN 149:2009 – specifica i requisiti minimi per le semimaschere filtranti antipolvere utilizzate come dispositivi di protezione delle vie respiratorie ad eccezione di quelle destinate alla fuga. Sono inclusi test di laboratorio e prove pratiche per la valutazione della conformità dei requisiti essenziali.

 

Standard nel mondo per DPI

Oltre agli standard europei, i respiratori con filtro facciale (Filtering Facepiece Respirators – FFR) sono soggetti a varie normative standard in tutto il mondo, quali:

  • N95 (Stati Uniti NIOSH-42CFR84)
  • FFP2 (Europa EN 149-2001)
  • KN95 (Cina GB2626-2006)
  • P2 (Australia/Nuova Zelanda AS/NZA 1716:2012)
  • Korea 1st class (Korea KMOEL – 2017-64)
  • DS (Giappone JMHLW-Notification 214, 2018)

Questi standard specificano alcune proprietà fisiche e caratteristiche prestazionali richieste per risultare conformi ai requisiti definiti dallo standard particolare. In base ai requisiti di prestazione dichiarati nelle norme e confermati durante le attività di valutazione di conformità, sembra che i respiratori certificati come conformi a questi standard funzionino analogamente tra loro.

Sulla base di questo confronto, è ragionevole considerare i dispositivi cinesi KN95, quelli coreani di 1a classe e quelli giapponesi DS FFR come “equivalenti” ai respiratori americani US NIOSH N95 e a quelli europei FFP2. Lo stesso Ente statunitense per la sicurezza dei prodotti farmaceutici US-FDA ha dichiarato che vi è una ragionevole equivalenza, per le finalità Covid-19, tra KN95 e FFP2.